Ricordando Anna Linguanti...

 

Anna era una ragazza bella. Aveva un sorriso sincero, uno sguardo aperto, un'intelligenza che la portava a non accettare nulla passivamente, ma a capire, comprendere, andare oltre. Era seria e matura, sapeva assumersi le proprie responsabilità creando una fattiva relazione fra alunni e docenti.

Esprimeva sempre le sue idee con apertura e disponibilità, evidenziando comunque determinazione, coerenza e capacità di confronto. Sensibile ai temi etici ed educativi, si impegnava attivamente in ruoli significativi sia in ambito scolastico che nel sociale, conservando sempre il suo meraviglioso sorriso.

Nell’ultimo suo impegno scolastico, gli esami di stato, ha svolto eccellenti prove scritte, e discusso con disinvoltura, passione e competenza della condizione della donna nelle varie culture e nei secoli.

Alla fine dell'esame ha rivelato il suo sogno: occuparsi dei bambini, diventare la loro insegnante. Ha salutato tutti con quella vivacità che la contraddistingueva, quella contagiosa energia e la gioia di attraversare la vita.

Ci rimane il ricordo di una bella persona e il dovere morale di vivere intensamente, donando il meglio di noi agli altri.